Perdere un iPhone a Tokyo, o di come sono finita a firmare un contratto biennale per comprarne un altro.

Partiamo dall’inizio, cioè da due domeniche fa.
Ero di ritorno dal Kanamara Matsuri, la cui fama lo precede, col mio iPhone 4 carico di speranze e fotografie goliardiche che non vedevo l’ora di mostrarvi. Ho cambiato tre linee metropolitane. La prima da Kawasaki Daishi a Shinagawa, linea Keikyu Kawasaki, treno rapido. La seconda da Shinagawa a Shinjuku, linea Yamanote. La terza da Shinjuku ad Asagaya, linea Chuo, treno locale.
Arrivata ad Asagaya, casa dolce casa, mi sono attardata a prendere un caffè freddo e un cornetto al cioccolato da St. Marc Café, che pioveva a dirotto e tirava un vento meschino e me li meritavo. Uscita da St. Marc Café ho fatto un salto da 7 Eleven, comprato del cibo probabilmente malsano e qualcosa da bere. Mi sono incamminata verso casa. Entrata nella mia stanza ho frugato nella solita tasca del solito zaino e mi sono accorta che “la solita cosa” che mi aspettavo di tirar fuori da lì faticava a farsi trovare. Ho guardato meglio. Ho guardato nell’altra tasca. Ho guardato ancor meglio. Ho controllato quindici volte. Nella mia borsa non c’era nessun iPhone. La cosa pazzesca è che dall’ultima volta che avevo preso in mano il telefono, facendo un rapido calcolo, era passata almeno un’ora e mezza. Al giorno d’oggi esistono ancora persone che per così tanto tempo riescono a stare senza controllare Facebook, senza scattare una foto a una lattina abbandonata per strada, senza farsi un selfie, senza mandare un messaggio a qualcuno? A quanto pare sì. Non pensavo di rientrare in questa peculiarissima categoria di persone. A quanto pare sì.

Come fate a stare senza fotografare lattine abbandonate per più di un'ora e mezza? Non lo so.

Come fate a stare senza fotografare lattine abbandonate per più di un’ora e mezza? Non lo so.

Non avevo mai perso nulla di così importante nemmeno in Italia, quindi mi sono ritrovata abbastanza confusa. Cosa si fa in questi casi? Con chi devo parlare? A chi devo chiedere? Il mio telefono mi tornerà mai indietro o l’ho perso per sempre? Come farò a postare le foto del Kanamara Matsuri sulla mia pagina di Facebook e farvi morire d’invidia?

Ho convenuto abbastanza rapidamente con me stessa che la cosa migliore da fare era interpellare il magico e onnisciente mondo di internet, che sicuramente avrebbe saputo aiutarmi. Viene fuori che esiste una app per rintracciare tutti i propri dispositivi Apple purché siano ancora accesi e purché abbiano questa app installata e/o siano registrati su iCloud. Beh, indovinate cosa: non avevo idea che una cosa simile esistesse e non mi ero nemmeno mai posta il problema, quindi figurarsi se uno qualsiasi dei miei dispositivi Apple avrebbe potuto rintracciare il mio povero disperso telefono. Ci ho provato comunque eh, che non si sa mai, ma il miracolo che mi aspettavo non è avvenuto.

Mentre succedevano tutte le cose elencate nell’ultimo paragrafo, il mio compagno di viaggio M. ha insistito per tutto il tempo col fatto che forse sarei dovuta andare al koban 交番 (leggi: chioschetto della polizia) più vicino a fare denuncia. Da cocciuta testarda come sono è trascorsa un’ora buona prima che mi decidessi a dargli retta, ad alzare il culo dal letto e ad andare una volta per tutte dalla polizia per avere almeno una speranza che il telefono perduto mi ritornasse indietro.

Arrivata nel baracchino della polizia, due metri di lunghezza per tre di larghezza, ho compilato un modulo dove segnavo di preciso cosa ho perso, dove l’avevo perso, a che ora e le particolarità dell’oggetto in questione. Fortunatamente si parla di un iPhone 4, modello che in Giappone è talmente superato che probabilmente a Tokyo lo avranno conservato come reperto archeologico appena cinque o sei persone. Ho lasciato un recapito e il poliziotto mi ha lasciato una promessa: “ti chiameremo se qualcuno di animo gentile ci riporterà il tuo telefono da pezzenti” (non ha detto esattamente così, ma l’ho letto tra le righe).

Dei ciliegi, per gradire.

Dei ciliegi, per gradire.

Ho aspettato tutta la sera, ma non mi è arrivata nessuna telefonata. Il giorno dopo nemmeno. Verso le otto di sera sono uscita per andare a bere una cosa in questa izakaya 居酒屋 (leggi: locale zozzo dove si beve e si mangia a prezzi ragionevoli) a Koenji, e quando ne sono uscita controllando per caso il telefono ho trovato una chiamata persa. “BENE”, ho pensato, “BENE, erano solo 35 ore che aspettavo questa chiamata stando ossessivamente attaccata a questo catorcio di telefono pre-pagato, lo perdo d’occhio un attimo ed ecco, non poteva andare diversamente”. Ho richiamato. Ha risposto una donna. Da qui in poi io assumerò l’iniziale T (di TokyoistKrieg e di Tapina), mentre la donna si prenderà la O (di Operatrice e di Ottusa).

O: “Pronto, risponde un ufficio a caso di Suginami, chi parla?”
T: “Salve mi chiamo TokyoistKrieg, ho visto che avete chiamato da questo numero poco fa…”
O: “Aspetti che controllo. (…)”
T: “Potrebbe essere per il telefono che ho perso ieri pomeriggio?”
O: “Ah, sì, ecco! Era un iPhone 4, giusto? Non è che potrebbe ripetermi anche le altre specifiche?”
T: (visibilmente e udibilmente emozionata perché sente di stare per riabbracciare il suo telefono smarrito) “Sì, dunque, ha una cover rossa e un adesivo sul pulsante home.”
O: “La sim al suo interno è della Au?”
T: “No, è una prepagata per il traffico dati B-Mobile”.
O: “Ho capito. Attenda solo un attimo.”

…per svariati minuti diverse musichette (di cui ricordo solo Per Elisa) si alternano in linea lasciandomi appesa come una carpa koi ad una lenza. Poi, quando meno me l’aspetto, una voce maschile ansimante e strascicata inizia ad attacarrmi come se stesse rantolando i suoi ultimi respiri. Questo nuovo personaggio si chiamerà N (di Nuovo Personaggio e di Nonstocapendonulladiquellochemistaidicendo).

N: “Pronto, scusi se l’ho fatta aspettare.”
T: “Non c’è problema.”
N: “Allora, lei ha perso un telefono? Mi può dire le sue caratteristiche?”
T: “Sì, allora. Aveva una cover rossa, un adesivo sul pulsante home…”
N: “Il pulsante home?”
T: “Sì, quello subito sotto lo schermo, al centro. Ha un adesivo rosso sopra.”
N: “Guardi, abbiamo trovato un telefono che risponde a questa descrizione. Mi fornisce gentilmente il codice per sbloccarlo così confermiamo che è proprio il suo?”
T: (a questo punto mi sentivo così vicina alla meta, ma così vicina…) “Sì, il codice è 1234”.
N: “1234? Ho capito, attenda un attimo.”

…per ulteriori svariati minuti ulteriori diverse musichette si alternano in linea lasciandomi appesa come un kakemono in una sala da tè.

N: “Pronto, guardi che il codice non corrisponde. Mi riconferma che è 1234?”
T: “Sì, confermo. 1234.”
N: “Il codice è errato, il telefono non si sblocca.”
T: “Chiedo scusa ma sarebbe possibile venire direttamente lì a controllare di persona se il telefono è mio?”
N: Sore wa chotto… それはちょっと…”
T: “Mi scusi, ma mi conferma che stiamo parlando di un iPhone 4 con la cover rossa e un adesivo rosso sul pulsante home?”
N: “No, qui non c’è nessun adesivo. Ma nel telefono c’è una sim card di Au?”
T: “No, come dicevo prima alla sua collega all’interno c’è una prepagata per il traffico dati B-Mobile”.
N: “Ah no, allora non può proprio essere. Qui c’è dentro una sim Au.” *click*

E riattacca, lo stronzo.
E non ho nemmeno il tempo di riprendermi da questo essere presa a cornettate virtuali in faccia che mi arriva un sms, il quale mi avverte con un tempismo pressoché perfetto che il mio credito residuo è inferiore ai 300 yen. Nell’ultima telefonata ho speso qualcosa come dieci euro, insomma. Per niente.

Perse quasi le speranze di ritrovare il mio telefono, ho deciso di sottoscrivere un abbonamento biennale con Softbank, uno dei maggiori operatori telefonici giapponesi, per un iPhone 5s. Perdonate il mio essere posh, ma come ho detto il 4 è ormai superato e qui ti vendono solo l’ultimo modello.

Qualche giorno dopo mi sono dunque recata nel negozio Softbank di Roppongi dove sono stata accolta da una commessa dolcissima e gentilissima che dopo avermi offerto da bere si è presa cura di me come se fossi una sua amica di lunga data. Grazie, N-san, non ti dimenticherò mai. Non ve la faccio troppo lunga, ma conclusa la transazione sono tornata a casa con:
1. Una borsa porta-bento esclusivissima griffata Softbank Roppingi.
2. Una confezione di condimento per il riso.
3. Una bilancia pesa-persone super-tecnologica che calcola tutto quello che può calcolare, e che ti parla pure. Giuro, la cosa difficile è farla stare zitta.
4. Un braccialetto fitness non meglio classificato, anche questo super-tecnologico, anche questo che calcola tutto quello che può calcolare (a partire dalle ore di sonno, passando per le volte in cui ti svegli di notte e arrivando alle calorie bruciate). Non l’ho mai usato e non lo userò mai.
5. Fortunatamente, un iPhone 5.

Io volevo solo un telefono...

Io volevo solo un telefono…

Soddisfatta tutto sommato del mio nuovo reattore a propulsione dalle sembianze di uno smartphone, la mia vita è proseguita spensierata per un altro paio di giorni. Avevo quasi dimenticato il mio precedente iPhone 4 (lo so, l’ho superata abbastanza in fretta), quando a uno dei miei compagni italiani – quello che mi aveva attivato la famosa sim B-Mobile – arriva una misteriosa telefonata dalla suddetta compagnia telefonica. Dopo un tira e molla durato diversi giorni in cui la B-Mobile provava a contattare il mio amico e non riusciva a raggiungerlo e viceversa, abbiamo finalmente capito che il mio telefono è stato ritrovato da qualche parte del Giappone. Gioia e giubilo!

Ho richiamato personalmente il koban in cui pareva fosse depositato il mio telefono, ma disgraziatamente era sabato e loro “non si occupano di lost&found durante i weekend”. Ma tranquilli, prendetevela pure comoda.
Ho richiamato lunedì.
Mi hanno confermato che il telefono lo avevano loro.
Sono corsa a Mitaka, a due fermate di distanza da casa mia, trepidante nell’attesa di riaverlo nuovamente tra le mie braccia.
Ho esibito un paio di documenti d’identità.
Il telefono mi è stato restituito.

Avevo sentito più volte parlare dell’efficienza del sistema lost&found giapponese, ma fino a questo momento non riuscivo a credere al fatto che perdendo qualcosa di valore in giro per Tokyo qualcuno avrebbe preso quel qualcosa e l’avrebbe riportato alla polizia.
Ho perso un iPhone a Tokyo e l’ho ritrovato in una settimana. La vita è bella.

Bentornato iPhone 4, ti voglio bene anche se adesso ho un telefono migliore di te.

Bentornato iPhone 4, ti voglio bene anche se adesso ho un telefono migliore di te.

Tutto è bene quel che finisce bene, amici.
Vi chiedo scusa per l’enorme ritardo di quest’ultimo post, spero di tornare presto a essere attiva e reattiva!
Buona settimana a tutti.

5 thoughts on “Perdere un iPhone a Tokyo, o di come sono finita a firmare un contratto biennale per comprarne un altro.

  1. Io non sono sorpreso per nulla. Anzi, semmai ci hanno messo un bel po’ di tempo, se consideriamo i loro standard. Poniamoci la (solita) stupida domanda: se tu l’avessi perso a Milano (l’equivalente di un rione di Tokyo)? O in qualsiasi altra parte d’Italia? Hahaha! Nemmeno nel 4200 d.c. l’avresti riavuto.
    Ho letto di storie (non leggende metropolitane) di normale onestà giapponese, semplicemente fantascientifiche se rapportate qui. Senza dimenticarsi che tu sei una gaijin (trova tu l’equivalente italiano: non voglio innescare polemiche politiche), il che non depone molto a tuo favore, sei la testimonianza vivente di quello che dico sul Giappone. Bene.
    Sono curioso anch’io su Kanamara che, mi pare, non sia l’unica falloforia giapponese: tutto il mondo è paese (o quasi).
    A presto.

  2. Fantastico, tutto e bene quel che finisce bene.🙂 Fatico solo a trovare una connessione tra la bilancia, l’orologio-contacalorie e un abbonamento telefonico. Misteri giapponesi!🙂 Buona continuazione, attendo altri post!

  3. La persona normale non si aspetta di poter facilmente “intascare” un iphone, tra codice di sicurezza, possibile blocco del telefono, blocco presso la compagnia (non è che uno prende ci inserisce la sua sim ed è a posto).

    Inoltre devo darti la dolorosa notizia: se come me ti troverai costretta a tornare in Italia, il tuo iphone 5s diverrà un costoso soprammobile (mah, fa ancora da computerino, ma niente telefono).
    Non so come te l’abbiano messa giù nel tuo caso, ma io sapendo dei blocchi imposti dalle compagnie ho chiesto e richiesto all’addetto (e considera che il mio giapponese è ormai bello fluente da un po’) se l’iphone era bloccato, se sciogliendo il contratto con la softbank e inserendo la scheda di un altro operatore italiano, avrei potuto usarlo. Risposta: sì. Peccato sia una bugia bella e buona però.
    Non si può e, chiamando da qui la softbank mi ha confermato che non lo sbloccano. Il loro addetto me lo ha venduto al posto di altri smartphone con la scusa che era L’UNICO che avrei potuto usare una volta rimpatriato e l’azienda senza assumersi alcuna responsabilità, ha solo ammesso che sì, sono stato truffato da un loro dipendente… nemmeno un moushiwake arimasen.

    L’altra notizia poco simpatica sono le regole sul costo…
    Se gli preannunci che poi te ne potresti andare, ti fanno pagare in anticipo il telefono (circa 350 euro), ma il conto mensile è comunque stratosferico (il minimo è 4500 yen, 30 euro).
    Se non glielo dici e dissolvi il contratto in anticipo, poi non puoi prendere un telefono in Giappone per i successivi 10 anni.

    L’onestà in Giappone si trova ovunque vai, ma assolutamente non nelle compagnie telefoniche.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s